LA PUBBLICITA' CI FA INSEGUIRE LE AUTO E I VESTITI, FARE LAVORI CHE ODIAMO PER COMPRARE CAZZATE CHE NON CI SERVONO.
(Tyler Durden)

Citazione del mese:

"Ci trattavano come delle stelle del Cinema, ma eravamo più potenti, eravamo tutto. Le nostre mogli, le madri, i figli campavano bene con noi. Io avevo dei sacchetti pieni di gioielli nella credenza in cucina, avevo una zuccheriera piena di cocaina sul comodino accanto al letto. Mi bastava una telefonata per avere tutto quello che volevo: macchine gratis, le chiavi di una dozzina di appartamentini in città. Scommettevo 30 mila dollari ai cavalli di domenica, e sperperavo le vincite la settimana dopo oppure ricorrevo agli strozzini per pagare gli alibratori. Non aveva importanza, non succedeva niente quando eri in bolletta andavo a rubare un altro po' di grana, noi gestivamo tutto; pagavamo gli sbirri, pagavamo gli avvocati, pagavamo i giudici stavano sempre con la mano tesa, le cose appartenevano a chi se le prendeva. E adesso è tutto finito. È questa la parte più dura, oggi è tutto diverso. Non ci si diverte più, io devo fare la fila come tutti gli altri e si mangia anche di schifo. Appena arrivato ordinai un piatto di spaghetti alla marinara e mi portarono le fetuccine col Ketchup. Sono diventato una normale nullità. Vivrò tutta la vita come uno stronzo qualsiasi."

("Quei bravi ragazzi")

sabato 5 gennaio 2008

Lussuria(Recensione number seventeen)




Titolo: Lussuria - Seduzione e tradimento (Se, Jie)
Produzione: Taiwan
Anno: 2007
Regia: Ang Lee
Interpreti: Tony Leung Chiu-Wai, Joan Chen, Tang Wei, Wang Lee-Hom, Kao Ying-hsien.
Durata: 160 min. circa

Vincitore della Mostra del Cinema di Venezia, censurato in varie parti del mondo, l’ultima opera di Ang Lee aveva suscitato in me una piccola curiosità. Certamente, molto era dipeso dal fatto che il suo ultimo film, cioè Brokeback Mountain, mi aveva non dico scioccato ma comunque sorpreso positivamente.

Premetto che secondo me Lussuria non riesce a raggiungere la bellezza della precedente fatica del regista taiwanese per vari motivi.

Il principale è essenzialmente la lentezza del film. Il film è lento, troppo lento, soprattutto il primo tempo è un cumulo di informazioni(quanto poi utili alla storia? Poco secondo me) abbastanza noiose e stucchevoli. Non accade nulla, è tutto cosi passivo e poco coinvolgente. Ang Lee si diverte a mostrarci come sia bravo con la cinepresa e questo lo sappiamo. Sicuramente qualche taglio sarebbe stato utile a rendere il film piu scorrevole.

Il secondo difetto sta nella ripetitività delle scene di sesso, che sono sicuramente tra le piu realistiche(non sono patinate ma anzi sono crude ed efficaci)che abbia mai visto in un film, pero sono troppo lunghe e agonizzanti. Passino le prime due, ma la terza e la quarta secondo me stancano e l’effetto sorpresa o choc visivo finisce e subentra la ripetitività.



Ciò non toglie che la regia è perfetta rende benissimo il dolore di lei, la passione tra loro due fatta di sguardi intensi, di sfioramenti di mani ecc ecc…E’ una regia anche molto occidentale in alcuni casi, cosi come i costumi, le acconciature di lei e la fotografia,(sembra di stare in una Vienna o Parigi) sono sublimi. La Cina di un tempo è ricreata in maniera eccezionale, con dei colori e una intensità rara. La storia regge, non è assolutamente banale(basti vedere il finale anche se Skripach aveva azzeccato bisogna dargli atto) ed è articolata bene. Le musiche azzeccatissime, candide tranquille e rilassanti, rispecchiano molto il film.



Sempre sulla regia, ho notato delle citazioni: come quella per il nostro mitico Park Chan-wook(la scena della pugnalata di gruppo con tutto quel sangue sembra davvero Lady Vendetta anche se effettivamente non troppo credibile visto che lo sfortunato di turno si rialza troppe volte facendomi sorridere per la scena surreale) e di Kitano(quei silenzi, quegli sguardi infiniti e le poche parole dette) che ho cmq molto apprezzato. Accanto alla regia senza sbavature di Lee rendono molto bene.



Gli attori poi sono magnifici. Toney Leung è una sicurezza, lo adoravo gia dai tempi di Infernal Affairs e Better Tomorrow, ora lo adoro anche di piu! E’ impenetrabile nel suo personaggio, freddo, razionale, non perde mai il controllo e fa trasparire poco i suoi sentimenti con quel suo sguardo di ghiaccio. Lei invece oltre ad essere bella, recita la parte della giovane inesperta, lacerata dal dolore e dall’amore, dalla noia dall’odio e dalla passione in maniera eccezionale, soprattutto visto la quantità di sentimenti con cui il suo personaggio si lascia trasportare durante tutto il film.

Resta il fatto che sarebbe stato un gran film, se fosse durato un ora in meno circa delle 2 ore e 40. Mi avrebbe secondo preso di più. Nel voler troppo strafare Lee sbaglia secondo me, perché tutti quei sentimenti che traspaiono benissimo nel film e che colpiscono lo spettatore avrebbero reso di piu in un film piu corto. Ed un errore del genere è quasi imperdonabile.



3 commenti:

Skripach ha detto...

Sono perfettamente d'accordo con Neil sulla recensione. Effettivamente il film è troppo, troppo lungo... fino alla fine del primo tempo uno si chiede come mai sia vietato ai minori di 14 anni, visto che non si vede né una scena di violenza, né di sesso. Quello che colpisce comunque sono le scenografie e i costumi realizzati egregiamente a mio avviso, e mostrano una Shangai molto occidentale, molto simile a una delle nostre capitali europee (come forse realmente è o è stata, ma non essendoci mai stato non posso affermarlo con certezza). Per quanto riguarda le scene di sesso, forse solo la prima è messa al punto giusto econ giudizio. Forse l'effetto che il regista voleva creare lo rende bene. Ma le altre sono più che superflue esageratamente lunghe, e provocano stanchezza e monotonia.
Infine la trama: la storia non è male, ben pensata, ma la realizzazione lascia un po perplessi. Tutto sommato un discreto film e il mio giudizio mi trova d'accordo con il voto che ha dato Neil.

xero ha detto...

ragazzi l'ho visto ieri e devo dire che non mi è molto piaciuto!

troppo lento e stancante a me ha coinvolto poco, pochissimo se non nell'ultima mezz'ora. tutti minuti precedenti ho guardato orologio!

il resto mi ha annoiato sinceramente. le scene di sesso mi ha colpito la prima ma dopo sono diventate tutte uguali!

pero devo dire che gli attori sono stati bravissimi cosi come la regia che è impeccabile e la storia non cosi scontata(anche se mi sembrava chiaro che sarebbe finito in quella maniera)

7 secondo me è anche un voto eccessivo gli darei un 6-5,5!

Anonimo ha detto...

una straordinaria storia d'amore in un film complesso e molto articolato che traspira sensualità e tensione emotiva con quella intensità che solo il cinema di lee sa dare. o