LA PUBBLICITA' CI FA INSEGUIRE LE AUTO E I VESTITI, FARE LAVORI CHE ODIAMO PER COMPRARE CAZZATE CHE NON CI SERVONO.
(Tyler Durden)

Citazione del mese:

"Ci trattavano come delle stelle del Cinema, ma eravamo più potenti, eravamo tutto. Le nostre mogli, le madri, i figli campavano bene con noi. Io avevo dei sacchetti pieni di gioielli nella credenza in cucina, avevo una zuccheriera piena di cocaina sul comodino accanto al letto. Mi bastava una telefonata per avere tutto quello che volevo: macchine gratis, le chiavi di una dozzina di appartamentini in città. Scommettevo 30 mila dollari ai cavalli di domenica, e sperperavo le vincite la settimana dopo oppure ricorrevo agli strozzini per pagare gli alibratori. Non aveva importanza, non succedeva niente quando eri in bolletta andavo a rubare un altro po' di grana, noi gestivamo tutto; pagavamo gli sbirri, pagavamo gli avvocati, pagavamo i giudici stavano sempre con la mano tesa, le cose appartenevano a chi se le prendeva. E adesso è tutto finito. È questa la parte più dura, oggi è tutto diverso. Non ci si diverte più, io devo fare la fila come tutti gli altri e si mangia anche di schifo. Appena arrivato ordinai un piatto di spaghetti alla marinara e mi portarono le fetuccine col Ketchup. Sono diventato una normale nullità. Vivrò tutta la vita come uno stronzo qualsiasi."

("Quei bravi ragazzi")

venerdì 23 gennaio 2009

DEFIANCE - I GIORNI DEL CORAGGIO ( MOVIE # 53)

Nazione: U.S.A.
Anno: 2008
Genere: Drammatico, Guerra.
Durata: 129'
Regia: Edward Zwick
Cast: Daniel Craig, Liev Schreiber, Jamie Bell, George MacKay, Mia Wasikowska, Tomas Arana, Rolandas Boravskis, Alexa Davalos, Mark Feuerstein

Edward Zwick è uno di quei registi appartenenti alla scuola americana che malgrado tutto mi piace molto. Si perché aldilà delle evidenti caratteristiche odiose nei suoi tipici film Hollywoodiani( i finali epici, i buoni e i cattivi stereotipati, le classiche scene sotto la pioggia), è riuscito a confezionare un paio di buone pellicole( Blood Diamond e L’ultimo Samurai) e un capolavoro (ironicamente il meno ricordato tra i suoi film: Glory ).

Non potevo dunque non vedere Defiance, visto che narra un evento cosi poco conosciuto della seconda guerra mondiale, quello dei tre fratelli ebrei Bielski che sfidando le Einsatzgruppen(le unità mobili di sterminio delle SS) per svariati anni, riuscirono a salvare quasi 1200 ebrei portandoli nelle foreste bielorusse. ( qualora voleste saperne di più di questi eroi ecco il link Wikipedia http://en.wikipedia.org/wiki/Bielski_partisans )

Defiance è un film alla Zwick, con i suoi pregi e i suoi difetti. La regia è come sempre ottima cosi come la fotografia, per non parlare delle bellissime musiche. Anche questa volta si è documentato bene riguardo la storia in questione, e il tutto è ricreato con precisione. Gli attori recitano bene a partire da un Daniel Craig (che dimostra di non saper soltanto fare James Bond ma personaggi comunque più complessi, meno macchine da guerra con difetti e sentimenti) per arrivare ad un ottimo Liev Schreiber col suo personaggio assettato di vendetta che con difficoltà riesce a rispettare quei valori a cui aveva sempre creduto.

Peccato pero per l’eccessiva lunghezza e ripetitività del film, per alcuni momenti in cui fa fatica a decollare, per una certa convenzionalità di storia( soprattutto il finale) e per dei personaggi forse troppo stereotipati. Sicuramente malgrado la tematica cosi tragica e terrificante è il film di Zwick che mi ha emozionato di meno, non è riuscito a commuovermi come Glory per esempio. Sarà stato l’inverno gelido di quei posti, però l’ho trovato troppo freddo, distante e spesso forzato nei momenti di pathos. Ma possiede il merito di ricordare a tutti noi l’esistenza di molti movimenti di resistenza ebraica sconosciuti che in Europa orientale diedero filo da torcere alle truppe tedesche, lottando e sacrificando la loro vita. Soprattutto mette in luce lo straordinario coraggio di questi fratelli che non si arresero al loro destino ma tentarono con una determinazione fuori dal comune di salvare vite umane.

Occasione persa dunque, perché il potenziale c’era eccome. Rimane comunque un discreto film che renderà giustizia alla straordinaria impresa dei fratelli Bielski.





1 commento:

xero ha detto...

quante recensioni neil sono contento visto che sono film attuali e belli!

anche se non ti ha convinto molto questo defiance.

io ho visto blood diamond e l'ultimo samurai e mi erano molto piaciuti. questo vado a vederlo domenica se posso!

bella recensione come sempre!